L’importo della detrazione è suddivisa in 10 rate annuali di uguale importo, cioè 1.000 euro. La detrazione fiscale copre sia le spese sostenute per la ristrutturazione vera e propria, e quindi per i lavori effettuati dall’impresa edile, sia quelle necessarie per i permessi da richiedere al Comune (ad esempio, la CILA, la SCILA, ecc. Chi effettua dei lavori di ristrutturazione edilizia può usufruire di detrazioni fiscali. In particolare, nella dichiarazione dell’amministratore di condominio risultano: – le generalità ed il codice fiscale di chi rilascia la certificazione; – gli elementi identificativi del condominio; – l’ammontare delle spese sostenute dal condominio nell’anno di riferimento; – la quota parte millesimale imputabile al condomino effettivamente pagata. Se continui ad utilizzare questo sito accetti la ns. La detrazione fiscale per la ristrutturazione è del 50% fino al 31/12/2019, entro i 96.000 euro di spesa totale. Tale detrazione è anche chiamata bonus ristrutturazione. Dopo questa scadenza si incorre in sanzioni. Nel caso in cui la certificazione indichi i dati relativi ad un solo proprietario, mentre le spese per quel determinato alloggio sono state sostenute anche da altri, questi ultimi, qualora ricorrano tutte le altre condizioni che comportano il riconoscimento del diritto alla detrazione, possono fruirne a condizione che attestino sul documento rilasciato dall’amministratore comprovante il pagamento della quota relativa alla spese, il loro effettivo sostenimento e la percentuale di ripartizione. L’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. Nel caso in cui i lavori sono effettuati dal detentore dell’immobile, deve essere conservata la dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario. Con la Legge di Bilancio 2018 è stata confermata la proroga che riguarda le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie. Detrazioni fiscali nella ristrutturazione di parti comuni in condominio. P.I. La percentuale di detrazione fiscale, relativamente alle ristrutturazioni edili nelle parti comuni del condominio, è per il 2020 del 50%. Sono interessato a: * SerramentiPorte interneSicurezzaTapparelleZanzariereAltro, Specificare il colore serramenti (interno/esterno). Dal 1° gennaio 2012 l’agevolazione è stata resa permanente dal D.L. Indicativamente, la restituzione dei soldi per la ristrutturazione copre il 50% della spesa sostenuta, ... ristrutturazione edilizia e risanamento disciplinati dall’art.3 della circolare n. 43/E del 18 novembre ... una novità utile per la salvaguardia delle persone di tutto il territorio nazionale che è soggetta alla detrazione fiscale … Salve, qualcuno ha mai fatto il documento da rilasciare a ciascun condomino in riferimento ai costi sostenuti per lavori di ristrutturazione edilizia ai fini della detrazione fiscale? L’invio del modello 730 precompilato può essere assolto anche per il tramite degli intermediari abilitati.(D.P.R. Bonifico Detrazione 50% Fideuram Set 30, 2015 by gnius in Banche Bonifico Detrazione 50% Fideuram, scopriamo come usufruire della detrazione fiscale … La detrazione fiscale è pari al 50% per un tetto massimo di spesa pari a 96.000€. Ciò vale anche quando la spesa è sostenuta dal familiare convivente o dal convivente more uxorio del proprietario dell’immobile, che potrà portare in detrazione le spese sostenute per i lavori condominiali. Possono godere del bonus del 50%, tutti i soggetti, anche se titolari di reddito d’impresa, residenti o non residenti in Italia che siano: Rientrano nelle agevolazioni i lavori relativi al miglioramento dell’efficienza energetica dell’abitazione come: Entro e non oltre 90 giorni dal termine dei lavori è necessario inviare la pratica all’Enea per avere il diritto alla detrazione del 50%; noi possiamo fornire il contatto dello studio tecnico con il quale collaboriamo da anni grazie all’ausilio di un proprio Geometra abilitato. In pratica il proprietario dell’immobile, ha la possibilità di detrarre dall’IRPEF, una parte delle spese sostenute. Dunque l’importo di 200 € viene definitivamente perso. Questo modulo di contatto è disattivato perché l’utente ha rifiutato di accettare il servizio Google reCaptcha, necessario per convalidare i messaggi inviati dal modulo. Nonostante la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie sia in vigore ormai da parecchi anni, fra i contribuenti vi è ancora molta confusione sugli adempimenti necessari per ottenerla. I singoli condòmini devono limitarsi ad indicare, nell’apposito quadro della propria dichiarazione dei redditi, il codice fiscale del condominio, e conservare la documentazione rilasciata dall’amministratore del condominio. Per utilizzare il bonus è indispensabile che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale parlante, ovvero da cui emerga: La detrazione è anche possibile nel caso in cui i lavori siano stati realizzati grazie all’intervento di una società finanziaria, ossia il classico pagamento a rate. dichiarazione delle somme effettivamente pagate dal singolo condomino, comunicazione Agenzia delle Entrate, invio telematico dei dati. 16-bis DPR 917/1986. Detrazione fiscale ristrutturazione a Roma: interventi che usufruiscono delle agevolazioni Vuoi sapere quale e’ la detrazione fiscale per ristrutturazione Roma. La comunicazione all’anagrafe Tributaria deve essere effettuata utilizzando il servizio telematico Entratel o Fisconline. Si tratta di una detrazione fiscale ai fini Irpef di tutti i costi sostenuti dal singolo per adempiere ad interventi di ristrutturazione edilizia. n° 201/2011e inserita tra gli oneri detraibili dall’Irpef. Pratiche detrazione fiscale 50% (ristrutturazioni edilizie) È possibile detrarre dall’Irpef (imposta sul reddito delle persone fisiche) una parte degli oneri sostenuti per la ristrutturazione edilizia delle abitazioni e delle parti comuni degli edifici residenziali situati nel territorio dello Stato. Ai sensi dell’art. n. 322/1998, articolo 3, commi 2-bis e 3). E cioè di una riduzione d’imposta dall’Irpef. In tutti i casi, il cliente dovrà presentare a chi cura la sua dichiarazione dei redditi (modello unico o 730), la ricevuta del bonifico (inviatogli dalla Finanziaria) e le fatture delle spese effettuate a lui intestate. Essa va suddivisa fra tutti i contribuenti che possiedono titolo sull’immobile oggetto della ristrutturazione in ragione della quota millesimale di proprietà. Per le ristrutturazioni effettuate sulle parti comuni del condominio, la detrazione spetta in relazione alle spese sostenute per interventi di: In particolare le parti comuni interessate dalle detrazioni fiscali sono: – il suolo su cui sorge l’edificio, le fondazioni, i muri maestri, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni d’ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e in genere tutte le parti dell’edificio necessarie all’uso comune; – i locali per la portineria e per l’alloggio del portiere, per la lavanderia, per il riscaldamento centrale, per gli stenditoi o per altri simili servizi in comune; – le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere che servono all’uso e al godimento comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli acquedotti e, inoltre, le fognature e i canali di scarico, gli impianti per l’acqua, per il gas, per l’energia elettrica, per il riscaldamento e simili fino al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva dei singoli condòmini. Sono compresi l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, destinati all’arredo delle parti comuni dell’immobile oggetto di lavori di recupero del patrimonio edilizio. L’amministratore di condominio è chiamato ad effettuare il pagamento alle ditte e/o dei professionisti che sono intervenuti nella ristrutturazione, attraverso un bonifico bancario o postale. Si tratta di una notizia molto attesa dai contribuenti, che potranno detrarre il 50% della spesa dei lavori, fino a un massimo di 96mila euro, anche per l’anno appena iniziato. Ristrutturazioni edilizie - Che cos'è L’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. Della detrazione fiscale è possibile beneficiare non solo quando si eseguono lavori di manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, ma anche quando si adottano misure finalizzate a prevenire il rischio furti, aggressioni, sequestri di persona, atti vandalici, ecc. Con ristrutturazione edilizia, se l’acquisto di un condizionatore viene effettuato a seguito di una ristrutturazione edilizia nell'abitazione (unità immobiliari residenziali o parti comuni di condomini). Il Glossario ha valore per l’intero territorio nazionale, quindi nessuno dei comuni può imporre regole più restritt… Occorre indicare le quote sostenute da ciascun condomino e i dati relativi alla cessione del credito. Se l’immobile presso il quale è stato svolto il lavoro viene venduto la detrazione, salvo diverso accordo delle parti, viene trasferita per la parte residua alla persona che acquista la casa. dichiarazione dell’amministratore di condominio, Detrazioni fiscali ristrutturazioni in condominio: la guida, Detrazioni e bonus nelle ristrutturazioni condominiali, Usufruttuari (usufrutto, uso, abitazione o superficie). Pagamento della fattura n. XY del giorno/mese/anno. Il decreto Rilancio, convertito in Legge il 17 luglio del 2020, nella parte riguardante le misure a favore dell’edilizia, include preziose indicazioni circa la cessione del credito d’imposta per la ristrutturazione e circa le modalità di applicazione del nuovo Super Bonus 110% e dei “vecchi” bonus ristrutturazione al 50% e facciate al 90%. A riguardo va detto che l’agevolazione spetta non soltanto ai proprietari degli immobili in base alla quota millesimale di proprietà, ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese: Nel caso in cui l’immobile è cointestato, il bonifico presenti il nome di uno solo di essi, ma le spese di ristrutturazione sono state sostenute da entrambi, la detrazione spetta anche al soggetto che non è stato indicato nei predetti documenti, a condizione che nella fattura sia annotata la percentuale di spesa da quest’ultimo sostenuta. Dunque in questo caso la detrazione non viene definitivamente persa. Nella dichiarazione, lo stesso attesta di avere adempiuto a tutti gli obblighi previsti e indica la somma di cui il contribuente può tenere conto ai fini della detrazione. In particolare è possibile detrarre il 50% dalle imposte delle spese sostenute per ristrutturare il proprio immobili per un tetto massimo di 96mila euro. la sostituzione delle finestre ed infissi; la sostituzione dei portoni d’ingresso a patto che siano rispettosi degli indici di trasmittanza termica richiesti per la sostituzione delle finestre; le persiane, gli scuri e le tapparelle, i cassonetti (se installati contestualmente ai nuovi serramenti). Rientrano nelle agevolazioni i lavori relativi alla prevenzione del compimento di atti illeciti da parte di soggetti terzi. Il bonus viene ripartito in 10 anni con rate di pari importo. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione fiscale dall’ Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare. La detrazione fiscale per gli interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art.16-bis del D.P.R. la detrazione fiscale è pari al 50% se, con la ristrutturazione edilizia, acquisti una caldaia a condensazione con un’efficienza uguale a quella che è necessaria per appartenere alla classe energetica A; la detrazione fiscale è pari al 65% se acquisti una caldaia a condensazione di classe A o superiore. 02845910427, Detrazioni fiscali per ristrutturazioni: in cosa consistono, Quali sono gli interventi che beneficiano delle detrazioni, Gli adempimenti dell’amministratore nella detrazione fiscale. Interventi ammessi al bonus fiscale, calendario e tutte le ultime novità In questa guida tratteremo in modo approfondito tutto ciò che riguarda le detrazioni fiscali nelle ristrutturazioni condominiali. Produzione/EsposizioneVia Siviglia, 7 7 del Reg. Vedi nello specifico le parti comuni dettate dall’ Agenzia delle Entrate, interessate alla detrazioni fiscale. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a … causale del versamento, con riferimento alla norma (articolo 16-bis del Dpr 917/1986); codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento. L’amministratore di condominio dopo aver adempiuto all’invio del modello 730 precompilato provvederà a rilasciare una dichiarazione (fac-simile) ai singoli condomini. In particolare, i contribuenti possono usufruire delle seguenti detrazioni fiscali: privacy policy. Perchè i proprietari/condomini possano usufruire della detrazione fiscale spettante, il cosiddetto “bonifico parlante” dovrà contenere alcuni elementi essenziali. In tutti i casi il cliente dovrà presentare a chi cura la sua dichiarazione dei redditi (modello unico o 730), la ricevuta del bonifico e le fatture delle spese effettuate a lui intestate, la pratica Enea e la ricevuta del suo invio all’Enea. 20093 Cologno Monzese (MI), Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano i termini di servizio di Google. La detrazione fiscale spettante ad ogni singolo condomino viene ripartita in 10 quote annuali di uguale importo. Come richiedere la detrazione. Nel caso in cui per l’anno d’imposta X,  la quota IRPEF dovuta in dichiarazione dei redditi sia inferiore a 1.000 € (ad esempio 800), la differenza, 200 € non potrà essere rimborsata o recuperata nell’anno successivo. Attenzione: nel caso il contribuente non possa usufruire, per uno o più anni, della detrazione fiscale perchè incapiente o esonerato dalla dichiarazione dei redditi, potrà farlo negli anni successivi indicando il numero della rata. Primo modulo compilazione ENEA (sito per ristrutturazioni edilizie con fine lavori 2018) La seconda parte riguarda il modulo dei dati dell’unità immobiliare, dell’edificio dove si colloca e superficie oggetto della detrazione fiscale. L’invio del modello 730 è una condizione indispensabile perché i condomini possano usufruire della detrazione fiscale. Detrazioni Fiscali Ristrutturazioni Edilizie 2019: Bonus Ristrutturazioni edilizie, Ecobonus, Bonus Mobili, Bonus Verde, Sismabonus. I campi obbligatori sono contrassegnati *. Un aspetto molto importante è stabilire chi ha diritto alle detrazioni fiscali per le ristrutturazione delle parti comuni in condominio. Nel caso invece di decesso dell’avente diritto, la detrazione passa all’erede che ha la “detenzione materiale e diretta dell’immobile”. ), per le prestazioni professionali, per i materiali acquistati e così via. Il tetto di spesa massima detraibile è € 96.000 per ogni immobile ad uso prevalente abitativo. Il bonus ristrutturazioni è la detrazione fiscale del 50 per cento riconosciuta ai contribuenti che effettuano lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria in condominio o in edifici singoli.. Nonostante siano passati anni dalla sua introduzione, sono ancora in tanti a chiedersi come funziona. Detrazione 50 in caso di ristrutturazione. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Pagina dedicata alla detrazione 50 % ristrutturazione edilizia. A titolo di esempio – immaginiamo che al contribuente spetti una detrazione fiscale complessiva di euro 10.000 relativamente ad una spesa sostenuta di 20.000 euro. L’amministratore deve conservare per 10 anni, tutta la documentazione originale che comprovi la sussistenza delle condizioni per fruire della detrazione (abilitazioni amministrative, delibera assembleare, comunicazione ASL di inizio lavori, fatture e ricevute delle spese, ricevute dei bonifici) al fine di esibirla a richiesta degli uffici. Tuttavia quest’ultima deve risultare versata al condominio entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi. Abbonamenti treni detrazioni fiscali si possono mettere in conto sulla dichiarazione fiscale sui redditi, queste spese sono detraibili per il 19% dal 1 gennaio 2018, quindi mantenete le ricevute, meglio fare un abbonamento annuale per evitare problemi, ogni membro della famiglia ha diritto a questa detrazione La detrazione viene ripartita in 10 rate di pari importo da chi presta l'assistenza fiscale. Quindi, la causale bonifico ristrutturazione dovrà contenere la seguente dicitura: Bonifico di pagamento per lavori di ristrutturazione edilizia (detrazione fiscale 50%) art. Le ristrutturazioni edili di parti comuni nei condomini beneficiano di importanti detrazioni e agevolazioni fiscali. 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi). Il bonus viene ripartito in … Per le detrazioni fiscali ristrutturazione edilizia, relative a interventi di adeguamento antisismico, è prevista invece un’aliquota del 65% per le spese sostenute tra il 4 agosto 2013 e il 31 dicembre 2014, e una detrazione del 50% per tutte le spese sostenute nel corso del prossimo anno. Tuttavia è sempre possibile modificare la dichiarazione precompilata. Nel caso in cui i lavori sono effettuati dal detentore dell’immobile, deve essere conservata la dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario. Per i condomini la detrazione è dal 70% al 75%, fino a 40.000 euro per u.i. Dunque nel caso in cui l’amministratore di condominio non proceda alla trasmissione del modello 730 precompilato, il condomino non perde la detrazione fiscale, ma deve integrare la dichiarazione dei redditi precompilata. Abbonamenti treni detrazioni fiscali da portare in conto al 730 economia.gnius.it. Detrazioni fiscali nella ristrutturazione di parti comuni in condominio. La finanziaria pagherà a Serramenti Pellegrino srl per conto del cliente tramite un bonifico che contenga le condizioni sopra elencate. Le ristrutturazioni edili di parti comuni nei condomini beneficiano di importanti detrazioni e agevolazioni fiscali. Se l’immobile presso il quale è stato svolto il lavoro viene venduto, la detrazione, salvo diverso accordo delle parti, viene trasferita per la parte residua alla persona che acquista la casa. Ecco quali sono gli interventi, i requisiti, adempimenti e modalità per beneficiare delle agevolazioni fiscali 2021. I requisiti specifici che indicano chi può accedere alla detrazione e come, variano in base alla tipologia di bonus che si intende attivare. Vediamo come vengono rimborsate le detrazioni per ristrutturazione. Nel caso di lavori di ristrutturazione edile delle parti comuni nei condomini, quali sono i beneficiari delle detrazioni? Ristrutturazione edilizia: l’agevolazione per le singole unità. Il 22 aprile 2018 è entrato in vigore il Glossario dell’edilizia liberache elenca punto per punto tutti gli interventi di manutenzione, anche sull’esterno dell’edificio e in giardino, che possono essere effettuati senza la necessità di presentare alcun tipo di comunicazione al comune, e perciò senza dover versare alcun onere amministrativo. Anche per l’anno 2020 è stata confermata la detrazione fiscale del 50% per chi compie presso la propria casa lavori indirizzati al risparmio energetico (sostituzione infissi, portoni di ingresso, oscuranti e schermature solari). Oltre alla certificazione dell’amministratore, il contribuente deve essere in possesso di: Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. In questo caso, però, si rischiano controlli dall’Agenzia delle Entrate. soggetti titolari di un diritto reale sull’immobile; i condomini, per le parti comuni condominiali; il familiare convivente del possessore o detentore dell’abitazione, sempreché effettui personalmente le spese e risultino a lui intestati bonifici e le fatture; i soggetti con reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali); enti pubblici ed anche privati che non svolgono attività commerciale. E’ possibile beneficiare della detrazione anche nel caso in cui la spesa dei lavori per il risparmio energetico venga sostenuta da una società finanziaria, ossia il classico pagamento a rate. Indicazioni Bonifico Detrazione 50% Fideuram: vediamo come compilare il bonifico per indicare che si tratta di una ristrutturazione ed avere la detrazione! Detrazioni Ristrutturazione. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Bonus ristrutturazioni 2020, lavori ammessi, limiti e come funziona. Tel. Ecco quali sono gli interventi, i requisiti, adempimenti e modalità per beneficiare delle agevolazioni fiscali 2021. Sulla dichiarazione rilasciata dall’amministratore che comprova il pagamento della quota millesimale relativa alla spese in questione il convivente dovrà indicare i propri estremi anagrafici e l’attestazione dell’effettivo sostenimento delle spese. Lamministratoredicondominio.it © 2021. È stata prorogata per tutto il 2020 la detrazione fiscale IRPEF del 50% per chi compie lavori di ristrutturazione presso la propria abitazione e le parti comuni in condominio. Agenzia delle Entrate - via Giorgione n. 106, 00147 Roma Codice Fiscale e Partita Iva: 06363391001 : +39 02 25391086 | Email: info@serramentipellegrino.it, Inferriate di Sicurezza Grate Antintrusione, Serramenti Pellegrino srl | P.IVA: 00757280961. l’installazione di grate e inferriate di sicurezza; l’installazione o la sostituzione di serrature; la causale del versamento, in relazione alla normativa (art. Il bonus viene distribuito in 10 anni con rimborsi annuali di pari importo. Tuttavia non è ammesso il rimborso o il recupero all’anno successivo nel caso in cui la detrazione fiscale derivante dalla ristrutturazione sia superiore alla cifra da pagare IRPEF con la dichiarazione dei redditi. Ai fini della corretta predisposizione di tutta la documentazione per beneficiare delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni edilizie su fabbricati residenziali, l’amministratore dovrà provvedere ad una serie di adempimenti. A titolo di esempio – se un condomino ha sostenuto una spesa per ristrutturazione di parti comuni pari a euro 10.000, avrà la possibilità di detrarre il 50%, cioè 5.000 euro, suddiviso in 10 rate annuali di uguale importo (500 €). Vediamo in questa guida cosa deve fare il contribuente per ottenere questi benefici fiscali nella dichiarazione dei redditi 2019. la causale del versamento, in relazione alla normativa (legge 296/06 e successive modifiche, risparmio energetico); il codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento. ricevute di pagamento dell’imposta comunale (Imu), se dovuta; delibera assembleare nella quale si approva l’esecuzione dei lavori e tabella millesimale di ripartizione delle spese, per gli interventi sulle parti condominiali; dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori del possessore dell’immobile, per gli interventi effettuati dal detentore dell’immobile, se diverso dai familiari conviventi. La detrazione Irpef è prevista per diverse categorie di soggetti e per differenti tipologie di interventi. e dall'80% all'85% per interventi finalizzati alla riduzione del … Ciascun contribuente ha il diritto di detrarre la quota spettante a partire dall’anno in cui si è sostenuta la spesa. Le ristrutturazione delle parti comuni negli edifici condominiali beneficiano di agevolazioni fiscali. Indicazioni utili, modalità e adempimenti per la richiesta corretta delle detrazioni fiscali per le ristrutturazione in condominio 2020. Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento. L’agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute nell’anno, secondo il criterio di cassa. Buone notizie per chi ha in mente di sfruttare le detrazioni fiscali ristrutturazioni 2019 perché l'intero pacchetto è stato confermato anche per il 2020 con l'aggiunta di alcune interessanti novità come il bonus facciate e il bonus verde.. Detrazioni fiscali ristrutturazione 2020: le novità. La finanziaria pagherà a Serramenti Pellegrino srl per conto del cliente, tramite un bonifico che contenga le condizioni sopra elencate. Nei fabbricati residenziali con un numero di condòmini superiore a 8 (otto) è previsto l’ obbligo di nominare un amministratore. 16 -bis del Dpr 917/1986 oppure L.449/97); il codice fiscale del beneficiario della detrazione; il codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento. 20093 Cologno Monzese (MI), ShowroomVia Cavallotti, 59 Quale pratica occorre per essere sicuri di non avere problemi. Tutti i diritti riservati. Il limite massimo di spesa, è fissato a € 60.000. Come si procede per usufruire delle agevolazioni chiamate bonus ristrutturazione, bonus mobili e bonus energetico. Con la Pratica ENEA ristrutturazione edilizia otterrai la detrazione fiscale 50%, detta anche bonus casa.. Questa pratica va presentata entro 90 giorni dalla fine lavori o dal collaudo. A questo punto l’individuazione dei requisiti per ottenere le detrazioni fiscali, appaiono elementi determinanti, per il corretto utilizzo dell’opportunità data dalla normativa. La detrazione Irpef 50 % spetta anche per l’acquisto di immobili ristrutturati da imprese di costruzione o ristrutturazione o da cooperative. Tale dichiarazione o certificazione è rilasciata dall’amministratore solo se il condomino ha realmente provveduto al pagamento delle spese al condominio. Tali adempimenti riguardano in particolare: Ai fini della predisposizione del modello 730 precompilato, l’amministratore di condominio deve provvedere all’invio dei dati relativi alle spese sostenute per la ristrutturazione effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali. UE 2016/679, autorizzo Serramenti Pellegrino srl al trattamento dei dati personali e ad essere ricontattato, a seguito di Mia richiesta, per ricevere informazioni, anche relative ai prodotti/servizi e per esigenze interne di tipo operativo o gestionale. In ogni caso la detrazione spetta al singolo condomino nel limite della quota a lui imputata. Detrazioni fiscali 2020: facciamo chiarezza BONUS 50% RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA È stata prorogata per tutto il 2020 la detrazione fiscale IRPEF del 50% per chi compie lavori di ristrutturazione presso la propria abitazione e le parti comuni in condominio.